Ente di gestione Aree protette delle Alpi Marittime
bb
           
Ignora collegamenti di navigazione

L’ABBAZIA- chiesa parrocchiale

Nei primi anni del 700 d.C. sorse l’Abbazia del Villar che venne affidata ai monaci Benedettini del fiorente Monastero di Bobbio. Durante il X secolo, a causa delle scorribande saracene, fu quasi completamente distrutta. Nel secolo successivo i monaci riuscirono a ricostruire l’Abbazia (di questa struttura sono tuttora visibili la cripta e le tre navate con le relative absidi.

Nei secoli seguenti il Monastero venne ampliato, ma nel 1300 fu nuovamente danneggiato durante l’assedio della città di Dronero. L’Abbazia ebbe un ultimo momento di splendore a metà del 1400, quando l’abate Giorgio Costanzia di Costigliole Saluzzo fece costruire un canale, necessario ad irrigare le aride campagne circostanti. Lo stesso abate fece realizzare un sepolcro personale adattando una cappella della navata destra della chiesa, facendo dipingere la vita di San Giorgio dal noto pittore Pietro da Saluzzo e collocandovi al centro un sarcofago con la sua effigie scolpita nel marmo bianco.

Tra il 1722 ed il 1724, sulle rovine della chiesa abbaziale romanica, venne costruita l’attuale chiesa parrocchiale su disegno del famoso architetto Francesco Gallo di Mondovì. Arrivando ai giorni nostri, sul finire degli anni Settanta, la pregevolissima cappella di San Giorgio, con il sarcofago in marmo bianco, grazie all’intervento finanziario del Rotary Club di Cuneo, è stata completamente restaurata ed oggi se ne può ammirare l’originale splendore.

SAN COSTANZO AL MONTE

Sulle pendici del Monte San Bernardo, nel luogo dove la tradizione vuole che sia stato martirizzato San Costanzo, sorge l’antichissima chiesa denominata “San Costanzo al monte”. In questo luogo, estremamente isolato ed ora ricoperto da una fitta vegetazione, esisteva una primitiva chiesa risalente all’VIII secolo che, dopo le distruzioni saracene, venne restaurata nel 1091 per ordine della Contessa Adelaide di Torino.

Nel XIII secolo la costruzione, forse cadente, venne sostituita da una nuova chiesa, strutturata insolitamente su due livelli. La chiesa inferiore, o cripta, è costituita da tre navate, sorrette da quattro pilastri bassi e massicci, ed un tempo era pavimentata con lastroni in pietra e lapidi per le sepolture.

La chiesa superiore è suddivisa anch’essa in tre navate, tutte voltate a crociera, con pilastri in pietra ornati da 26 capitelli diversamente scolpiti. All’esterno è presente forse l’elemento di maggiore pregio artistico: le tre absidi che hanno le pareti cilindriche divise in tre parti da due lesene che, dalla base, si elevano fino alle bellissime ed eleganti gallerie (non praticabili), caratterizzate da capitelli dalle forme più svariate. A sud la chiesa è completata da alcuni edifici che un tempo ospitavano i monaci ed i laici addetti al servizio della struttura. L’imponente costruzione religiosa, catalogata fra i “Monumenti Nazionali”, è attualmente oggetto di importanti lavori di restauro e consolidamento.

Foto Gallery
San Costanzo al Monte San Costanzo al Monte San Costanzo al Monte San Costanzo al Monte San Costanzo al Monte
Scopri la riserva
Map  Meteo  WebCam  WebCam  Flickr  Pdf Map
Ospitalità e Ristorazione
Il ghiro felice
Il ghiro felice
Villar San Costanzo
Via Pramallè, 115
Tel: 333/3106949
Wingover Chiosco - Bar
Wingover Chiosco - Bar
Villar San Costanzo
Via Camposportivo, 1
Tel: inesistente
Community
  Facebook    Twitter    Skype    Info    Contatti
 
REGISTRATI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Nome
Cognome
Email
Tipologia Utente
Nazione